Territorio del Giappone

L'arcipelago giapponese

Il Giappone è un arcipelago di origine vulcanica situato nell'Asia orientale e circondato dal mar del Giappone.

Le quattro isole principali che costituiscono circa il 97% dell'intero territorio Giapponese sono: Honshu al centro, Hokkaido a nord, Kyushu e Shikoku a sud; a queste quattro si aggiungono altre 3000 isole spesso riunite in arcipelaghi minori come quello delle isole Ryukyu.

Posizione

Il Giappone è situato 36° a nord dell'equatore e 138° a est del meridiano di Greenwich, poiché più a Est si trova l'immensa massa d'acqua dell'oceano pacifico, in passato si credeva che più a Oriente non esistesse nient'altro e che quindi il Giappone fosse la terra più orientale quella dove sorgeva il sole.

L'arcipelago giapponese è disposto secondo un arco, la cui parte concava rivolta verso Ovest è bagnata dal Mar del Giappone, la parte convessa rivolta verso est invece è bagnata dall'Oceano Pacifico mentre a nord l'isola di Hokkaido è bagnata dal Mar Ohotsk.

Lo stretto di Corea separa il Giappone sud-occidentale dalla penisola coreana, mentre a nord lo stretto di La Pèrouse separa l'arcipelago giapponese dall'isola di Sahalin, appartenente alla Russia.

Morfologia del territorio

Il territorio giapponese è percorso interamente da una catena di rilievi che occupa il 73% circa del territorio, perciò un esigua parte del suolo è pianeggiante infatti sono è coltivabile solo il 13% del territorio.

La pianura più estesa è quella del Kanto situata nella parte centro-orientale dell'isola di Honshu nei pressi di Tokyo, questa è molto fertile grazie ai detriti vulcanici; le altre zone pianeggianti si trovano per lo più lungo le coste, che sono frastagliate e ricche di baie e golfi.

I rilievi sono perlopiù di origine vulcanica e superano anche 3000 m la cima più alta è il monte Fuji cha raggiunge i 3776 m conosciuto anche col nome di Fujiyama, questo monte dalla forma perfettamente conica è diventato un'immagine simbolo del Giappone, come tanti altri monti giapponesi è un vulcano addormentato che non erutta più dal 1707.

Terremoti e vulcani

Il Giappone costituisce il margine orientale della zolla euroasiatica e si colloca fra una delle maggiori zone sismiche del mondo ossia quella che và dalle isole Aleutine a alle isole della Sonda, per questo sono frequentissimi i terremoti e i maremoti che proprio per questo vengono indicati anche col termine giapponese di tsunami.

I giapponesi hanno ormai imparato a convivere, tramite la creazione di edifici che assecondano i movimenti del suolo, con i continui maremoti e terremoti che possono essere anche più di mille all'anno raggiungendo forti intensità ogni 6-7 anni.

Altro fenomeno legato alla disposizione tettonica del Giappone è quello dei vulcani, nell'arcipelago infatti si contano ben 291 vulcani di cui più di un quinto sono ancora attivi perciò le isole giapponesi fanno parte di quella che niene chiamata la "cintura di fuoco del pacifico".

Cartina topografica del Giappone
Cartina topografica del Giappone con licenza CC by-sa di Captain Blood
Vedi altri articoli su: